roberto cassani - Biografia (più o meno completa)

Suono il contrabbasso e canto storie. Sono nato a Milano, dove i miei genitori facevano i pendolari come quasi tutti gli adulti del mio paese: Rivolta d'Adda (CR). Io amo l'Italia, chiaro...ma in particolar modo adoro il mio paesello. E' bizzarro che non ci viva, perche' ne sono sempre stato innamorato...ma sapete, le circostanze della vita sono biricchine...

Ho sviluppato la mia forma un po’ eccentrica di “cantautorato” molto presto nella vita... Perche'?...Mah, siceramente non ero portato a fare nessun altra cosa. Ho provato anche, ma ero un vero e proprio pericolo in tutti i lavori manuali, e i lavori da scrivania mi hanno sempre fatto un po' appisolare...quindi non c'era alternativa.

Nessun musicista nella mia famiglia: classe operaia. Avendo, come si usava dire "talento", io ho fatto una gavetta di 20 anni, rigorosamente autodidatta "formale", nel senso che il conservatorio me lo sono fatto da solo, che costa molto meno!

A diciott'anni fui messo sotto contratto dalla grossa casa discografica BMG Ricordi e accostato a grandi musicisti come il contrabbassista jazz Giovanni Tommaso, per imparare il mestiere...Ma la testa non era ancora matura...o forse era già matura abbastanza per capire che a fare il “cantautore” da giovani si va a finire male... quindi feci una fuga all'estero prima di concludere qualcosa di musicalmente concreto.

A Birmingham, in Inghilterra, feci il volontario, prestando cure ad un meraviglioso ragazzo con disabilita' fisiche , in cambio di un alloggio. Li' conobbi una bellissima ragazza Scozzese, Lara (oh, ero giovanissimo anch'io!) e me ne innamorai. Più di vent’anni dopo, siamo ancora innamoratissimi ed abbiamo messo su famiglia quassu' in Scozia, con nostra figlia Ruby.

Tornai alla musica un po' per divertimento alcuni anni dopo. Iniziai nei pub locali ad utilizzare il mio accento "straniero" e il mio humour Lombardo per scrivere delle canzoncine divertenti in Inglese. Inavvertitamente, queste canzoncine divennero molto popolari e mi fecero girare il mondo, da solo e con il mio gruppo “swingabilly” Roberto & the Tickety2. Ogni tanto rispolvero queste canzoni in serate molto divertenti col mio compare Owen Nicholson alla chitarra, come dimostrato nell’album live at Falkirk Folk Club (2020).

Ho poi passato un paio di anni piacevolissimi a suonare il contrabbasso e scrivere musica in quale membro fondatore del 'supergruppo' folk Kilmarnock Edition. Eravamo 6 cantautori (Alex Hodgson, Fiona J Mackenzie, Lisa Rigby, Yvonne Lyon, Stu Clark ed io), già abbastanza affermati e ci eravamo conosciuti in quanto vincitori dell’iniziativa culturale Scozzese “Burnsong”. Abbiamo formato il gruppo e dopo un paio di date, siamo stati messi sotto contratto da Greentrax Records ed abbiamo pubblicato il bell’album "Pay it Forward" (2013), che ha ricevuto recensioni a 5 stelle un po’ ovunque. Purtroppo è poi diventato impossibile continuare in quanto eravamo geograficamente sparsi in giro per la Scozia, remotissime isole comprese!

Nel 2016 ho pubblicato un album da solo, “Badabadoom" (2016), poi mi sono dato ad un intenso periodo di live e registrazioni come session contrabbassista, anche se ho continuato sporadiche sperimentazioni come il documentario spiritoso punkettone “Protest Panda” nel 2017.

Nel 2018 divenni amico e pupillo del leggendario contrabbassista inglese Danny Thompson. Danny, che e' una persona di umanita' eccezionale, mi fece capire che io avrei la possibilita' di confermarmi come un artista vero, seppur irrimediabilmente “originale”... 

Da allora ho continuato a cacciar fuori musica a raffica con gli album "Oh!...L'Amore!" (2019), poi un monologo con contrabbasso e voce, le cui performance live si sono rivelate bellissime, dalla Scozia al Canada, e a seguire gli EP Tickly Bits (2020) e il live PerTheatre (2020).

Intanto, sempre sul palco, ma un po' piu' sul retro, ho suonato come session-man con moltissimi grandi artisti Scozzesi, sono apparso su parecchi album di artisti indipendenti e continuo ad avere un’intensa attività live in Scozia, tra folk, blues, jazz...”whatever!” come dice il mio amico Danny Thompson: è tutta musica! 
E quando capita, mi cimento pure in educazione musicale e workshop di musica “bilingua” con scuole e gruppi di comunità locali.

E addesso arriviamo al presente...sto cominciando a lavorare ad un progetto nuovo...Vi prego, unitevi alla "mailing list" e con il passare dei mesi vi terro' informati. Ciao!

Aggiungiti alla "mailing list"